Telecamere per auto da usare in retromarcia

Telecamere per auto da usare in retromarcia

Se per caso vi è mai capitato di vedere una piccola cam sulla parte posteriore esterna di un bus, autobus o tir e vi siete chiesti di cosa si trattasse sappiate che stiamo parlando di una telecamera per auto retromarcia. Il nome è abbastanza chiaro per descrivere la sua funziona: riprende lo spazio posteriore e restituisce le immagini su un piccolo visore che abbiamo sul cruscotto centrale. E’ molto utile per tutte quelle situazioni in cui la vista è occultata. Pensiamo quindi a bus, tir, ma anche auto ingombranti come Suv e Crossover che non possono aver bene in vista le distanze con altre automobili parcheggiate oppure ostacoli come alberi o pali della luce.

Queste piccole telecamere spesso si trovano come optional nell’ auto. Alcune le hanno di serie, altre volte le possiamo acquistare pagando una differenza. Sono nascoste nel paraurti posteriore, oppure appoggiato sul cruscotto nel retro. Se vogliamo montarle nella nostra auto possono essere acquistate su siti di commercio online oppure nei negozi di elettronica e montati direttamente a bordo.

La peculiarità di queste camere, come detto, è quello di riprendere la parte posteriore dell’ auto, quella meno in vista. Spesso sono dotate anche di sensori di prossimità che indicano quando l’ostacolo si avvicina. Molto utili quindi per evitare di toccare oggetti o cose che potrebbero rovinare la nostra auto o, peggio ancora, recare danni a persone. Pensate ad un bus che deve fare retromarcia, è quasi obbligatorio averne una montata sulla parte posteriore, ciò per avere la giusta visibilità. Non bastano dunque gli specchietti retrovisori.

Queste telecamere normalmente prendono l’alimentazione dall’ automobile, in rari casi sono dotati di batterie che si ricaricano. Possono collaborare con le dashcam frontali che invece riprendono la strada dal davanti e registrano video. Le dashcam possono servire per dimostrare eventuali colpe di terzi in caso di incidente. Hanno anche la funzione “parking” di sorveglianza per riprendere eventuali danneggiamenti che si sono subiti quando l’auto è parcheggiata. Possiamo quindi avere nota dalla targa che ha provocato il sinistro e rintracciarla per una denuncia. Inoltre le telecamere per auto piú sofisticate posseggono un sensore di movimento che avverte, tramite connessione internet, quando l’auto viene mossa. Un ottimo antifurto quindi. Le telecamere dashcam e quelle posteriori dell’ auto riprendono in Hd, i modelli piú avanzati in full hd ed offrono riprese nitide anche in assenza di luce, in notturna. Il sensore che montano infatti permette di realizzare video anche al buio.

Oggigiorno, la maggior parte delle dashcam offre la registrazione Full HD 1080P, ma ci sono già alcuni modelli che offrono la più alta risoluzione disponibile sul mercato ovvero quella in 2K-HD e tra poco anche in 4K Uhd da godere anche sui nuovi televisori di ultima generazione. In pratica una risoluzione doppia utile per realizzare anche video panoramici della strada che si sta percorrendo. Molto utile se il paesaggio che stiamo attraversando è veramente bello e che vale la pena riprendere.
Tra le marche leader di questo settore segnaliamo Blackvue e Garmin.

Redazione Autore